Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Autore

Alla scoperta della valle dei Logar

Rank 2 su 5 su 54 voti.

Logarska dolina, in italiano valle dei Logar, sembra essere stata creata appositamente per gli amanti della natura e del relax, ma anche per chi desidera trascorrere le proprie vacanze dedicandosi ad attività sportive.

 

Montagne, boschi e ruscelli sono gli elementi naturali che accolgono il viaggiatore con una magnificenza d’altri tempi. La Logarska dolina è una delle tre valli della zona di Solčava e ospita l’omonimo parco naturale dichiarato tale nel 1987. Parallelamente a questa valle, si trovano le due valli Matkov kot e Robanov kot, raggiungibili anche con un trekking di due giorni che permette di passare da una valle all’altra pernottando in uno dei numerosi rifugi della zona.

 

Per chi, invece, desidera dedicarsi ad attività meno impegnative, la valle dei Logar è dotata di un sentiero naturalistico ed etnografico di sette chilometri che la attraversa dall’ingresso del parco fino alla cascata Rinka. Il sentiero si snoda tra i boschi e i prati di questo luogo incantato, ha un dislivello minimo ed è adatto a grandi e piccini. Il modo migliore per percorrerlo è in compagnia di una guida: alla fine della camminata Logarska dolina non avrà più segreti perché, grazie alle appassionate spiegazioni dell’esperto, si saprà quasi tutto su flora e fauna, storie e curiosità di questa zona.

A parte numerose cascatelle che si susseguono lungo il cammino, ci si imbatte anche in alcune stranezze della natura, come un ginepro alto 9 metri (mentre si sa che solitamente i ginepri sono a cespuglio), nonché in testimonianze della cultura locale come la casa ben preservata dei carbonai. Per chi, invece, preferisce avventurarsi nella valle in solitudine, il sentiero è ben segnalato e permette di trascorrere qualche ora nei boschi senza doversi preoccupare di smarrire la via. I luoghi di interesse sono indicati in una mappa che viene fornita all’ingresso del parco ma che è anche possibile reperire presso qualunque struttura della zona o presso l’ufficio informazioni che si trova a circa 500 metri dall’ingresso del parco.

Avete bambini piccoli da portare in carrozzina e i sentieri del bosco non fanno per voi? Nessun problema: una strada asfaltata praticamente senza macchine, percorre all’incirca lo stesso tragitto e dei cartelli indicano come raggiungere i luoghi di maggior interesse anche partendo dalla strada. Questa via rappresenta una buona soluzione soprattutto d’inverno, quando la neve rende i tragitti nel bosco praticamente impercorribili. Ma c’è di più: grazie ad un finanziamento europeo quest’anno si è iniziata la realizzazione di un sentiero circolare nel bosco per persone con problemi motori. Ancora non è terminato, ma gli addetti del parco hanno espresso la loro intenzione di renderlo fruibile al pubblico nella primavera del 2011.
Ci sono, inoltre, diversi percorsi segnalati per gli amanti della mountain bike. Se, invece, si desidera scoprire le bellezze della zona a cavallo, basta recarsi a Luče, una decina di minuti di macchina da Solčava, dove c’è la possibilità di fare delle escursioni in sella. Per informazioni più precise in merito ci si può rivolgere al punto d’informazione turistica.


Se si decide di visitare la valle d’inverno, oltre a praticare sci alpino e sci di fondo, con piste particolarmente interessanti per i principianti, si può godere del paesaggio facendosi trainare su una slitta dai cani husky. Un’esperienza irripetibile che aggiungerà un’altra emozione alla vacanza. Il 26 dicembre poi, ormai da diversi anni, viene organizzato un concerto all’aperto sul prato antistante l’Hotel Plesnik. Immaginate la scena: montagne e boschi innevati che fanno da scenario, l’albergo da un lato del prato e sull’altro lato il fumo che esce dai camini dei pochi agriturismi della valle. In mezzo il palco sotto le stelle, sul quale fanno il loro ingresso, all’apertura dell’evento, i bambini delle scuole materne della zona che poi lasciano il posto agli artisti locali. Per finire, il concerto di una band che fa risuonare la propria musica nella valle vestita a festa. Anche per l’ultimo dell’anno non ci si lascia intimorire da neve e freddo: animazione all’aperto per adulti e bambini, e musica naturalmente, per trascorrere un ultimo dell’anno in mezzo -è proprio il caso di dirlo- alla natura.


Quando arriva la primavera, allo sciogliersi dell’ultima neve, la Logarska dolina, cambia completamente aspetto. I boschi riprendono le loro tinte verdi che li adorneranno fino all’autunno, spuntano i primi fiori, il sole fa brillare il paesaggio e l’aria emana i primi tepori. Da questo momento in poi i sentieri sono agibili per camminate e trekking. I più temerari possono cimentarsi con attività quali il paragliding o l’arrampicata. I più pacati, invece, possono dedicarsi alla pesca nei numerosi corsi d’acqua ed in totale tranquillità. Per i più piccoli, invece, è stato allestito il Bosco delle fiabe: nei pressi della Penzion na Razpotju, ci si può “perdere” tra casette e personaggi di 15 fiabe diverse e il divertimento è assicurato! E se, dopo tante camminate, si ha voglia semplicemente di godere di un bel panorama, allora una buona idea é quella di percorrere la strada panoramica la cui partenza si trova tra l’ingresso del parco naturale e il paese di Solčava: 25 chilometri tra boschi incontaminati e montagne da sogno.


E’ in autunno, però, che la valle da il meglio di sé. I boschi si tingono di giallo e rosso, le foglie iniziano a cadere e quando si cammina nel bosco si respira quel buon profumo di terra e foglie che solo in autunno han questa particolare fragranza. I turisti estivi se ne sono ormai andati: gli spazi sembrano ancora più ampi e nel silenzio ci si fa cullare dal suono delle cascate e dal fruscio delle foglie. Non è affatto un caso che nel 2009 questa zona sia stata premiata con il titolo di Destinazione europea d’eccellenza anche per la capacità della gente del posto di unire il rispetto della natura con le tradizioni locali che spaziano dai piatti tipici all’artigianato. Non si può, infatti, lasciare la Logarska dolina senza essersi procurati uno degli oggetti in feltro (portachiavi, gonne, maglie, cappelli ma anche ciabatte, anelli e orecchini e perfino saponi!) confezionati dalle donne di Solčava lavorando la lana delle pecore autoctone. Se volete provare a creare i vostri oggetti di feltro anche voi, potrete seguire uno dei corsi ed imparare l'antica, paziente, tecnica!

 

INFO
TIC Logarska dolina - Logarska dolina, 9 - 3335 Solčava Tel. +386 3838 9004
Mail info@logarska.si - http://www.logarska-dolina.si (in sloveno, inglese e tedesco)
L’ufficio informazioni di Logarska Dolina è chiuso da novembre a marzo, ma si possono ricevere informazioni via mail o rivolgendosi all’ufficio turistico di Solčava:
TIC Solčava - Solčava, 30 - 3335 Solčava Tel. +386 3839 0710
Mail info@td-solcava.si -www.solcavsko.info

Anche se i siti spesso sono solo in lingua slovena, tutti parlano inglese, molti tedesco e qualcuno un po’ di italiano.

Sleddog: www.oaza-pj.si - mail oazapj@siol.net
Il sito è in sloveno, ma si può scrivere una mail in inglese

 

DOVE ALLOGGIARE
Per chi desidera il massimo del comfort consigliamo l’Hotel Plesnik, quattro stelle dotato di piscina e piccolo centro wellness per gli ospiti.
L’albergo ha anche un’occhio di riguardo per la sostenibilità: si pratica la raccolta differenziata e, durante i lavori di restauro del 1995, sono stati impiegati quasi esclusivamente materiali naturali. Il riscaldamento a biomassa garantisce la giusta temperatura nelle camere e nelle zone comuni dell’hotel tutti i dodici mesi dell’anno. Interessante sapere che l’acqua dell’albergo proviene tutta dai corsi d’acqua della zona che qui abbondano. Proprio grazie a quest’abbondanza si è deciso di produrre anche l’energia utilizzando queste stesse fonti.
Il ristorante serve specialità tipiche della zona realizzate con prodotti provenienti dalle fattorie vicine.

A poche centinaia di metri dell’Hotel Plesnik, inoltrandosi nella Logarska dolina, si trovano anche diversi agriturismi e la pensione Na Razpotju.

 
COME ARRIVARE
In auto
: A Lubiana immettersi sulla A2/E61, direzione Ljubljana-Sever, prendere l’uscita numero 2 per Trzin e proseguire seguendo le indicazioni per Kamink, Radmirje, Ljubno ob Savinji e Solčava. Da Lubiana la valle dei Logar dista circa 80km.
In treno/bus: un autobus raggiunge la Logarska dolina ogni giorno verso le 12.30, partendo da Celje alle 9.30. Celje è raggiungibile da Lubiana in treno.

 

COMMENTI (2)

toeni

2010-11-19 18:20:00

voglio partire subito per la slovenia! <3

daffy

2012-02-20 16:45:43

e io voglio venire con te !!! :P